giovedì 18 dicembre 2014

" SE " il Nuovo singolo di Valentino Negri.


“ … Se … tu camminerai con me  … supereremo tutte le difficoltà 


Eccolo il segreto della perfezione, l'ingrediente giusto per fare di due un noi.
Passato da Sanremo, ( è stato scelto per le audizioni che portavano alla selezione delle Nuove Proposte 2015 - ndr ), e assorbito da un vortice mediatico degno di nota, ( è già il preferito in diverse web radio in cui lo hanno inserito nella loro play list - ndr)  Se conquista spazi e riconoscimenti molto importanti, sinonimo del fatto che la qualità esiste, basta saperla scegliere.
“ Per me formulare la descrizione di un brano è quasi inutile; un brano va ascoltato, quello che arriva … arriva; è questo l’emblema del  musicista che vuole trasmette emozioni, e le emozioni sono “ a ciascuno la sua” che non si leggono, non si impongono, non si spiegano, non si descrivono, non si raccontano: le emozioni si vivono”.  
   



L'emozione, certa, che oggi ci fa vivere SE, è che ne è disponibile l'acquisto su iTunes ( https://itunes.apple.com/us/album/se-single/id951777058 ) e doppio regalo - perchè Natale è alle porte - è on line anche il nuovo canale Youtube di Valentino (https://www.youtube.com/channel/UCgCjbG1EozWZ8y_HTR6GBNg) in cui è possibile lasciarsi coinvolgere anche nella visione del videoclip di Se. https://www.youtube.com/watch?v=KdcnJ7e9SH8
 Buona Visione !!!
  Deborah Brulard

Valentino Negri & l'avventura di Sanremo.


 "  Ragazzi, audizioni andate!....  Grazie di tutto, a tutti!
Mi avete dato un'energia indescrivibile, è stata per me un'esperienza bella forte!!!
Ho cantato dando tutto quello che avevo, e mi sono emozionato e divertito...credo che questa sia la vittoria delle vittorie! poi se passo, continuo, se non passo, continuo di più! ...V."


All'indomani della sua partecipazione alle audizioni sanremesi, Valentino Negri raccontava cosi dal suo  profilo facebook l'avventura appena vissuta.  Senza troppi giri di parole e l'attenzione ben focalizzata sulla musica e sulle sue produzioni, all'ufficializzazione dei sei prescelti, più la rosa dei Big, Negri, riposta:

" Questo post e' un abbraccio. Il mio a voi;
a tutti quelli che mi stanno sostenendo e supportando con centinaia di messaggi sulle varie piattaforme e di persona; siete voi che date il senso alla mia musica .. spero quindi di avervi regalato emozioni e di continuare a darvene... è questa e' la mia vittoria contro questo strano "sistema".
Sono felice di annunciarvi che l' uscita ufficiale del mio singolo " SE " , che precede il mio primo album, e' prevista per giovedì 18 d
icembre 2014 in contemporanea con il videoclip che potrete vedere e commentare sul mio nuovo canale you tube.
La nave pirata ha ormai preso il largo ed il suo porto e' l' orizzonte !!! supportate sempre più' forte,
Grazie a tutti pirati!
V."




Se, in uscita su iTunes, giovedi 18 dicembre 2014, è il nuovo singolo di Valentino Negri; per la stessa data è attesa l'ufficializzazione del suo canale Youtube : Valentino Negri Official, nel quale verrà pubblicato anche il videoclip dello stesso brano.



Deborah Brulard



#Valentino Negri:
iTunes: https://itunes.apple.com/us/album/2-metri-sotto-terra-single/id932768551
youtube: https://www.youtube.com/channel/UCgCjbG1EozWZ8y_HTR6GBNg


giovedì 4 dicembre 2014

Valentino Negri, in audizione per le nuove proposte Sanremo 2015 _ E nelle distrazioni le grandi occasioni.





Uno spirito on the road che lo porta fino alle audizioni tenutesi in quel di Roma lo scorso primo dicembre 2014, per l’individuazione delle sei nuove proposte in lista per Sanremo 2015, ( otto in tutto di cui due provenienti da Area Sanremo – nrd)  … la curiosità di un “rocker “ alle porte di Sanremo c’è, “proviamo ad entrare” un po’ di più nell’eccitante meccanismo,  raggiungendo proprio chi ha vissuto l’esperienza in prima persona:  Valentino Negri in concorso con il brano “ Se “.  


“ Se … passi? “
“ Se passo vinco! Ahaha! “

Sicuro di sé,  ma di una sicurezza piena di esperienza, di quelle che accompagnate con un sorriso, fanno capire che l’esaltazione non è di casa.
Mentre accorda la chitarra, capace di portare la mia concentrazione sulla melodia che ha in testa; si respira nell’aria che c’è, la sua  grinta, quella che soddisfa l’incalzante necessità di trasmettere.  

“ Quando scrivo e canto mi emoziono e riesco ad emozionare, io ho già vinto tutto quello che c’è da vincere”.
“ Sanremo è certamente la vetrina con la V maiuscola per un cantante, ed è un’esperienza che sto assaggiando seguendo il sistema; se la strada mi  porterà li prenderò tutto quello che posso e darò anche di più, diversamente andrò avanti per la mia.  “.
Secco, anche nelle reazioni, l’atteggiamento è certamente dei migliori dicono quelli che un posto in prima fila ce l’hanno già; la domanda  a questo punto sorge quindi quasi spontanea: cosa ti aspetti dalla tua musica?
“ Quando scrivo non mi aspetto niente, perché dò spazio a quel che ho dentro in modo naturale, se questo poi arriva e piace, sono davvero felice;  è un po’ come se una canzone aprisse le porte delle percezioni, quel che di mio esce e quel degli altri entra è : “ il vivere.”  
 “ Due metri sotto terra “,  è il titolo dell’ep di Valentino Negri uscito ad ottobre 2014, due i brani, uno “ Due metri sotto terra” che dà gli dà il titolo è un pezzo di sfogo, una sorta di esplosione rock quasi metal, l’altro “ Suono piano” , pezzo che è stato “ ghost track” dell’album “ Fuori Target “ di Drupi ( album doppio disco d’oro in Repubblica Ceca) è invece un brano molto più melodico, una “ballade” sempre rock, ma dai toni più soft .



 Il primo album d’esordio di Valentino Negri  invece è atteso, con quindici brani inediti di cui ha curato in toto produzione ed arrangiamenti, per il mese di marzo/aprile 2015; l’imprinting atteso è rock anche se Valentino spazia ( e ne dà prova) dal rock melodico al pop con contaminazioni hip hop e colori soul blues con grande naturalezza, presentando nell’intero sonorità del tutto nuove in Italia vincenti nelle melodie e nei testi.  





Nell’attesa del responso ufficiale per l’esito delle audizioni sanremesi, è possibile sostenere Valentino attraverso l’ascolto del brano sul portale internet Rai.tv, sezione Sanremo Nuove Proposte, ( http://www.rai.tv/dl/RaiTV/programmi/media/ContentItem-a676cfa6-644a-43a2-b654-8ee374a62ae0.html#p)  commentarlo, e condividerlo sui social; in più dalla pagina facebook ufficiale “ Sanremo Giovani “ ( https://www.facebook.com/deborah.brulard/posts/10204506242928330?comment_id=10204506564096359&offset=0&total_comments=1&notif_t=share_comment#!/SanremoGiovaniSelezioniUfficiali?fref=ts) , è possibile riempire il web con l’hashtag (per noi ovvio) #nuoveproposte  #valentinonegri ( quindi #il nome della preferenza) #sanremo 2015.
In bocca al lupo #valentinonegri
                                                                                                                                      Deborah Brulard




sabato 29 novembre 2014

Se, Valentino Negri, Audizioni Sanremo Giovani 2015.


E’  “ Se “ il titolo del brano di Valentino Negri che consacra l’accesso alle audizioni finali per la selezione delle otto “Nuove proposte” della manifestazione canora di Sanremo in programma dai prossimi 10 febbraio al 14 febbraio 2015.
( il file non è supportato da smartphone e tablet, quindi il brano si può ascoltare solo da personal computer)
Diffusi all’inizio della settimana dal portale Rai, i nomi dei sessanta concorrenti, scelti dalla Commissione musicale presieduta da Carlo Conti e composta da Giovanni Allevi, Carolina Di Domenico, Claudio Fasulo, Giuseppe Pirazzoli, Ivana Sabatini e Rocco Tanica, Valentino Negri si aggiudica di buon diritto la candidatura.
Valentino Negri,  che emerge come reale "nuova proposta" in quel di Sanremo, ( tralasciamo tutti i rumors sollevati dagli internauti e gli addetti ai lavori nell'ultima settimana per la presenza di nomi reciclati da Talent, Televoti e Talk Show di casa nostra - ndr) ha una storia con la musica, nonostante la giovane età, lunga una vita; esperienze di tour mondiali, contaminazioni californiane che lo portano a misurarsi con successo in diversi stili, e collaborazioni decennali con il cantante pavese Drupi, altro storico della musica italiana, del quale oltre ad esserne corista ne è anche autore di brani.
E' nell'ottobre del 2014 che pubblica il suo primo EP, dal titolo " Due metri sotto terra "; 
due le tracce contenute al suo interno; la prima che dà gli dà il titolo è un pezzo di sfogo, una sorta di esplosione rock quasi metal, l’altra " Suono piano" , pezzo che è stato " ghost track" dell’album " Fuori Target " di Drupi ( album doppio disco d’oro in Repubblica Ceca) è invece un brano molto più melodico, una "ballade" sempre rock, ma dai toni più soft .
L'album d’esordio invece di Valentino,  è atteso, con quindici brani inediti di cui ha curato produzione ed arrangiamenti, per il mese di marzo/aprile 2015; l’imprinting si preannuncia rock anche se Valentino spazia ( e ne dà prova) dal rock melodico al pop con contaminazioni hip hop e colori soul blues con grande naturalezza, presentando nell’intero sonorità del tutto nuove in Italia vincenti nelle melodie e nei testi.





Valentino Negri con "Se" firma  un pezzo intenso dal gusto rock melodico, con sonorità ricercate, ed uniche nel panorama della musica italiana contemporanea.
“ … Se … tu camminerai con me  … supereremo tutte le difficoltà  … è la speranza del sogno di un amore che se condiviso porta il sentimento ad attraversare anche il tempo… Nel brano la voce che scalda di Valentino Negri si presenta in tutta la sua pienezza; dal calore all’emozione lasciarsi travolgere è un piacere del tutto incontrollabile.

Di “ Se “ Valentino Negri, come richiesto dal format del Concorso Canoro, ne ha prodotto anche il Videoclip,  la cui diffusione è subordinata all’Amministrazione di Sanremo Giovani_ Nuove Proposte.



Deborah Brulard



mercoledì 26 novembre 2014

Valentino Negri, un rocker dall'animo on the road.


“Distratto dalla vita ”, ripete spesso mentre si racconta, si definisce un musicista dall’animo “on the road”.
Un fare genuino, un’aria pulita, ed un curriculum di tutto rispetto; è questa la prima fotografia di Valentino Negri;  soffermandosi un po’ di più arrivano una voce singolare, una preparazione impeccabile, ed una bravura imbarazzante … non si rende totalmente conto di quant’è emozionante la sua musica, glielo faccio notare ( e non che io non ci capisca proprio nulla!), mi sorride, gli occhi gli brillano, ( io nel mentre le sue canzoni le canticchio già nella mente) sospira ed imbarazzato sospira ancora, ri sorride e mi guarda  senza parole; è li che comprendo che ha anche questa particolarità tipica delle “ personalità belle e dannate”.
Good!





Abbandonati per un po’ i coinvolgenti convenevoli, per chi se lo ritrova davanti, rivestirlo di un solo appellativo diventa davvero difficile; le etichette sarebbero tutte  “un po’ riduttive” , di fatto davanti alla sua musica, stile e bravura mi lasciano piacevolmente disarmata ( il che non succedeva da tempo);  nell’immediato sospiro anch’io, mi impegno, e quel che mi vien da dire è: “ i musicisti veri sanno scriverla, cantarla e suonarla, e Valentino Negri, ne è finalmente la conferma”.
“ Sono un ragazzo come tanti, venuto su a suon di ninna nanne rock  ( è figlio d’arte, il padre è stato un musicista per grandi nomi della musica –  nrd -) ho avuto la fortuna di viaggiare tanto  sin da piccolo;  mio padre mi parlava dei grandi della musica, me li suonava, poi mi portava in giro con lui per le tournée mondiali; ho conosciuto  personaggi definiti “ i grandi della musica del pianeta ”, ne sono stato attratto, coinvolto, contaminato, a tratti travolto … è stato quindi poi del tutto naturale ritrovarmi adulto e musicista”.



Se ti chiedessi un luogo nel mondo che ti ha maggiormente colpito?
 “ Certamente la Californa. Li ho vissuto anni e situazioni indescrivibili, che mi hanno dato davvero tanto; a tutt’oggi la mia musica porta dentro quei suoni, quei colori, quegli insegnamenti … non so spiegartelo fino in fondo, posso solo dirti che è stato tutto una figata pazzesca ”.

 Calibrato il tiro, chiedergli che genere fa sembra davvero idiota, ma il giornalismo è prima di tutto informazione,  sorrido un po’ persa ( di fatto con le parole mi sento artista un po’ anch’io)  dal soggetto, e procedo:  
“ So di essere “ rock’n’roll fuck the world “ ma i generi che ascolto ed in cui mi cimento sono molto diversi tra loro; quindi non posso dirti che la mia musica ha un gusto solo. E’ indubbio poi che per il mio background e per gli artisti con cui mi trovo a collaborare, anche nelle diverse parti del mondo, rimango influenzato e contaminato; per uno come me che  respira  musica e non aria,  lo trovo naturale; quindi quel che posso dire con certezza, che più che far vivere nelle mie produzioni un genere solo, cerco di far si che queste prima di tutto siano in grado di trasmettere emozioni; è cosi che per me la mia musica sta in piedi … l’andare avanti poi innesca tanti altri meccanismi che sono quelli dello show business, dei luoghi comuni, dei passaggi obbligati dei sistemi ecc… che conosco, e che non sto qui a dirti quanto siano per me poco rock’n’roll”.  
 Simpatico e concreto, “ arrivare, arriva “ , quindi cerco di saperne di più; nel mese di ottobre è uscito un tuo EP, che mi dici?
“ Ti dico che è un anteprima del mio primo album, che spero possa essere pronto per  marzo/aprile 2015; l’ep contiene due miei brani inediti , uno che gli dà il nome che è “ Due metri sotto terra ”, e l’altro “ Suono piano” che è un pezzo che è stato  “ ghost track” dell’album “ Fuori Target “ di Drupi ( Valentino è vicino al cantante pavese da sempre – ndr).  
“Due metri sotto terra “ , è un pezzo di sfogo, una sorta di  esplosione rock quasi metal, chi si identifica capisce molto bene cosa sto cercando di dire, “ Suono piano “ invece  è  un brano molto più melodico, una ballade sempre rock, ma dai toni più soft” .

( per i brani dell'Ep di Valentino Negri:
iTunes: https://itunes.apple.com/us/album/2-metri-sotto-terra-single/id932768551 )
 “L’album?”
“ L’album a cui sto lavorando avrà 15 pezzi, (e di questi produrrò almeno 3 videoclip), tutti inediti, e diversi tra loro, questo perché ho voluto proprio godermi il lavoro, misurandomi in generi e stili che sento miei, e con i quali so di poter dare davvero qualcosa di mio.
Nell’intera produzione, poi,  ci tengo a dirlo, mi supporta la mia Band storica “ The Rox “; i ragazzi  per me non sono semplici collaboratori, ma una vera e propria famiglia… con loro ho condiviso annate, concerti, esibizioni, vittorie e delusioni, e credo che questo sia uno degli ingredienti fondamentali per poter fare musica di qualità.
Se non fai vivere quello che fai, non vai da nessuna parte” .
Mentre l’ascolto parlare, sfoglio tra le mani il suo curriculum, ci sono nomi, situazioni,  brani, produzioni, che sono una vera e propria garanzia di qualità; decido però di non perdere tempo prezioso nell’elencarli,  (i miei esercizi alla sintesi stanno dando i primi frutti ) e passo, (e vi invito a fare altrettanto), all’ascolto dei brani,  che, neanche a dirlo, consacrano all’uniscono le premesse.
Non aspettatevi produzioni omologate, quasi forzate, e decisamente bruciacchiate dalla velocità dei celebri quanto invadenti Talent, ma un lavoro che sa di vero, al sapore di una “gavetta”  ( non a caso) stravissuta, straviziata, … stralunata.  
“ Valentino, mi viene da chiedergli mentre mi riprendo dal mio viaggio ( d'altronde dalla musica non vogliamo questo?), come ti vedi tra vent’anni?, cosa vorresti  per la  tua musica?
" Vorrei che fosse esattamente come l’amore, un’emozione che attraversa il tempo”  

                                 e se non è rock questo, non so cos’altro lo possa essere! …
                                                                                                                                         Deborah Brulard
Valentino Negri:

MENTRE andava in scena la nostra chiacchierata il sito ufficiale di Sanremo rendeva noti i sessanta finalisti candidati alla selezione per le "Nuove Proposte" Sanremo 2015.
Il brano di Valentino " Se " è in lista, Valentino parte per questa nuova avventura ....

http://www.sanremo.rai.it/dl/portali/site/news/ContentItem-30a22999-f523-42ff-8aac-7d26ddb040e0.html

come dire? .. sò ancora riconoscere la musica vera e d'autore!! ;) ...e giudicate voi ... prego ... il brano :

SE, Valentino Negri, : http://www.sanremo.rai.it/dl/portali/site/news/ContentItem-30a22999-f523-42ff-8aac-7d26ddb040e0.html

Deborah Brulard
  



domenica 2 novembre 2014

Platinette, punta di diamante per la comedy-musical: " La Sposa in Blu".

 
 
Platinette vestita da sposa, in blu, con una motosega in mano che taglia una torna nuziale … questa l’immagine della locandina promozionale; di ritorno da New York, dove la commedia ha vinto il premio della IIDF americana "A Heart For Art - Emerging Musical" come musical emergente 2014, il cast si prepara al debutto made in Italy, con l’appuntamento per il 07 novembre alle ore 21.00 presso il Teatro Apollonio di Varese.
Il musical, prodotto da Roberto Sky Travaini per Vip Management, scritto da Romy Padovano che vede la regia di Umberto Noto è una commedy-musical con sfumature noir, che, annuncia Noto: “La sposa in blu è una storia molto simpatica, leggera e divertente: se riusciamo a regalare dei sorrisi abbiamo raggiunto il nostro intento”.
“La Sposa in Blu” – che è tratto dal musical inglese “The Blue Bride” – racconta il  complicato ed a tratti paradossale rapporto epico tra uomo/donna dall’angolazione femminile inglobando tutte quelle inspiegabili vicissitudini che le contraddistinguono.
La protagonista, Oriana, è interpretata da Platinette, che calatasi nei passi di una sessuologa-psicoterapeuta, cercherà, senza non poche ironiche peripezie, di risolvere i problemi delle coppie, portando in luce ad intermittenza anche i suoi personali , che a volte trovano soluzione, a volte no.
“Un cast d’eccezione nato senza audizioni” – afferma Umberto Noto che prosegue: “Leggendo la storia ho avuto già ben chiaro in testa chi erano i vari personaggi: ho scritturato un gruppo di attori strepitosi che cantano e ballano benissimo”.
Oltre a Platinette, in scena, il regista Umberto Noto, Samantha Fantauzzi, Cinzia del Barba, Alberto Pistacchia, Fabio Zulli , Matteo Minerva.
Uno spettacolo quindi che si preannuncia “ surreale”, divertente ed anche molto coinvolgente in quanto saranno infatti diverse le tematiche messe in luce a risvolto sociale, di cui spesso o non afferriamo mai completamente il senso o a cui non diamo molta importanza, ma che ci contraddistinguono o che caratterizzano anche i nostri rapporti.
Grandi nomi anche nel “dietro le quinti” ; sono di Valentina Bordi le coreografie, gli arrangiamenti Fabio Beltramini  gli arrangiamenti musicali e di Nunzia Aceto i costumi.
“ La Sposa in blu” , tutta ambientata in una cucina moderna e giocosa,  studiata dalle scenografe Silvia Silvestri e Hella Mombrini, farà scoprire a piccoli passi la personalità di Oriana con tutte le sue particolarissime sfaccettature; tutto ruoterà attorno ad un baule … un baule da cui scaturiranno …  
                                                                                             Deborah Brulard
 
 




Informazioni e prenotazioni:
 
Teatro di Varese www.teatrodivarese.it tel. 0332/247897
(dal lunedì al sabato – orari 11/14 – 17/19)
Vip Management Agency – tel. 0331/636495
Ufficio Stampa : Mauro Caldera

mercoledì 1 ottobre 2014

Manuel Bozzi: " il futuro è in ogni nuovo giorno, in ogni nuova idea" .



Li si contempla come opere d’arte, li si indossa con la sensazione di darvi vita; capaci di unicità ed eleganza inconfondibili, sono e propongono anche a chi li sceglie, raffinatezza inimitabile.
Incontro, con grandissima stima ed emozione vera, Manuel Bozzi, il designer pisano, fiore all’occhiello del “Made in Italy”  di gran classe, fondatore dell’omonimo marchio di gioielli; e con indosso, entrambi le sue creazioni,  si racconta.  
Lo osservo, carica di tutto il sapere che ho acquisito su di lui e sulle sue collezioni,  ha indosso diversi anelli  - solo in seguito mi dirà essere il monile a cui non rinuncia mai - , e la prima cosa che ingenuamente gli domando è: ti senti più rock o più fashion?

 
“ Diciamo  pure che sono rock, il fashion non lo decido io “
“ Si vedi, il fashion è un sistema terribile, disomogeneo, sputtanato e traditore, perché non ti segue ma ti usa.  Il rock invece è fedele; è quindi di gran lunga meglio restare rock e concedere al fashion di farsi contaminare;  credo di essere entrato nel mondo fashion proprio perché non ci sono mai entrato”.
 Creativo, stimolante, attento ai dettagli che cura con ammirevole incanto, ma al contempo immerso in un contrasto che porta al genuino , come il vero rock professa.
 “ Mi definiscono un buono, filtro di pancia, conosco tantissima gente di continuo, ed interagire nella maniera corretta non è mai semplice; cerco sempre di avere attenzioni per tutti, e compatibilmente con il mio carattere e le sue sfaccettature, mi proietto in avanti”
Positivismo ed intraprendenza si respirano nell’aria e si avvertono ad ogni pagina che si scorge del suo percorso;  di lui hanno scritto e parlato tutti, da Vogue a Maxim, Velvet, GQ, tanto per citarne alcuni, e l’allure del lusso che ha come sinonimo l’eleganza e l’unicità sono nei suoi gioielli elementi imprescindibili.


 


“ Il mio percorso, guardando al futuro, lo vedo lungo e tortuoso, sono passato attraverso mille situazioni diverse, positive e negative, ma ho sempre stretto i pugni e sono andato avanti.
Non è stato facile mantenere una coerenza artistica, un creativo quando inizia a mentire a se stesso accende la miccia del suo declino, il business è importante, tutti lavoriamo per i soldi e probabilmente io sono tra quelli che avrebbe potuto farne molti di più...ma quando torno a casa la sera sono felice perché ho fatto quello che mi piace fare.
Rispetto al futuro posso dirti che non sono più un "young designer", ho vissuto e  sono stato premiato, adesso è diverso, la pagnotta è più dura! Non si vive di rendita, il marchio "affermato" va nutrito tutti i santi giorni.
Il futuro è in ogni nuovo giorno, e soprattutto  in ogni nuova idea.”

Idee, spostamenti, contaminazioni è ciò di cui si nutre maggiormente un creativo, mi chiedevo se c’è un luogo preciso al mondo che ti abbia maggiormente ispirato?

“ Traggo ispirazione un po' da tutto, si posso immaginare cose nuove e intriganti anche dal divano di casa ma viaggiare è importantissimo, cambiare spesso angolazione arricchisce l'animo.
New York mi ha sempre dato una carica a livello creativo, Parigi più romantica e decò, la Polinesia mi ha fatto fare un tuffo importantissimo nello spirito tribale.

Non è ciò che vedi ma "come lo vivi".


E quindi cos’è per te Manuel la creatività?

“Capacità di rielaborare in maniera soggettiva ciò che la natura ci mette a disposizione in modo da ottenere nuove armonie”.

Armonia è la parola chiave delle sue creazioni, tanto che in molti le definiscono vere e proprie opere d’arte … è cosi anche per te che le realizzi?
 

“ L’arte è una delle mie ispirazioni maggiori, sono figlio di una grande maestra (l’artista Lydia Nissim- ndr)  che ha fatto delle sue opere la sua vita e viceversa…mi sono nutrito cosi, e quindi quando si guarda ai miei gioielli in questi termini non è che un piacere che si rinnova”.
 
E se il rock è l’ospite centrale tra di noi, la domanda è d’obbligo : per te una donna è come le tue creazioni quando indosso ha?
  Se stessa.
Non posso che rispondere così!
Ho sposato la mia eterna musa. Quando creo un gioiello femminile penso a Chiara, mia moglie. Mi dico:  "se lo indossa Chiara avrà successo" .
Chiara come musa, ed al timone insieme alla sua socia Valentina, del primo flagship store  firmato Manuel Bozzi, in quel di Pontedera, inaugurato poche settimane fa.
 
  I tempi erano maturi ed era arrivata l'ora di fare questa scelta. Da diversi anni con mia moglie Chiara aspettavamo l'occasione per fare il passo e quest'anno si sono incrociate molte energie positive che hanno reso l’impresa concretizzabile” .
E un’arte che si nutre di passioni quella che si vive a casa Bozzi; l’amore, per quel che si fa e si è, come forza generatrice dà vita a creazioni appaganti per palati raffinati … d’altronde sorridendo mi confessa che se non avesse fatto il designer gli sarebbe piaciuto diventare cuoco.
Per maggiori info e dettagli : www.manuelbozzi.it 
                                                                                                 Deborah Brulard
 







lunedì 15 settembre 2014

Prima Giornata Mondiale dei Cavalieri, perchè chi vale, dà e si dà valore.

                                                   Fornovo di Taro (Parma)
                               Sabato 20 settembre 2014 _ dalle ore 10 alle ore 02.00 no stop

 

Per rivivere insieme, conoscere e diffondere lo spirito cavalleresco, fatto di valori, umanità e solidarietà, nella prima giornata mondiale dei Cavalieri, l’Italia scende in campo come protagonista indiscussa.
L’origine e l’ideatore di questa Giornata Mondiale dei Cavalieri è  il Barone Kleiner de Grasse, insieme a sua moglie la Baronessa di Montecrestese, Ruama Pia Kleiner de Palma, che in  questi ultimi anni si sono fatti portavoce nel Tour Mondiale di presentazione ufficiale di questo grande evento internazionale che si prefigge di unire.
 
 
La Giornata Mondiale dei Cavalieri è sinonimo prorompente di  Solidarietà”.  Gli introiti provenienti dalle varie iniziative ( vedi per esempio la vendita dei biglietti d’ingresso, dal primo profumo della Giornata, la moneta ecc)   saranno devoluti a istituzioni benefiche e caritative presenti nei diversi Paesi del Mondo.
 
** Alcune iniziative:
 




 
L’A.S.L.O.D Onlus, l’Associazione per lo Studio del linfedema del dolore e dei sintomi in oncologia, ( www.aslod.org) attiva  presso il Centro Nazionale dei Tumori di Milano, presieduta dal Primario, Dott. Augusto Caraceni, e coordinata dalla ricercatrice la Dott.ssa Carmela Sigari,  e dalla Dott.ssa Cinzia Martini, è una delle quattro Onlus individuate a livello mondiale.
 
 
Attraverso questa ondata di solidarietà saranno realizzati progetti concreti per persone in difficoltà  (anziani, bambini malati, ricerca medica, etc) “ spiega la Baronessa di Montecrestese, Ruama Pia Kleiner de Palma, direttrice e coordinatrice delle opere caritative della Giornata Mondiale dei Cavalieri., “Aiutare coloro che sono nel bisogno, combattere la povertà e la sofferenza e permettere a chiunque, su questa terra un’esistenza degna, non è solo un dovere per noi tutti, ma dovrebbe essere anche un privilegio”


Grandi Star internazionali prenderanno parte a quest’importante evento, sposandone appieno le cause nobili ; Silvio D’Anza (Germania), Luc Arbogast e Maria Mirante (Francia), Anna Maria Adamiak (Polonia), i Jalisse, i Green Clouds e Giacomo Contro (Italia) e Claudia Grundmann (Svizzera), facendo cosi attraverso le loro esibizioni brillare la stella della solidarietà. 
 

 
Un ricco programma,  il cui management su campo è stato affidato al sapiente Diego Spagnoli,  attende le migliaia di spettatori provenienti da tutte le parti del mondo; in scaletta la presenza di Cavalieri da tutto il mondo, Nobiltà europea, Vip, Dignitari di diversi Stati e Chiese per sedici ore di spettacoli, rievocazioni storiche, commemorazioni, presentazioni di prodotti solidali, arte, e tantissimo altro in  una prima mondiale unica nel suo genere.  
 
 
**Per maggiori info e dettagli e l’acquisto del biglietto d’ingresso all’intera giornata

  

 A.S. L..O.D  Onlus _ www.aslod.org ;
**
L'illuminare architetto Attilio Terragni,  (www.studioterragni.com ) metterà a disposizione i suoi quadri, pregiate opere d'arte riconosciute e stimate in tutto il mondo, ospitate nelle più importanti gallerie d'arte del pianeta, devolvendo i proventi delle vendita all'A.S.L.O.D Onlus. 
 
 
** Ufficio Stampa
(Invio di materiale alle redazioni, organizzazione interviste e speciali, accrediti)
Deborah  Brulard _ brulardd@yahoo.it