venerdì 29 maggio 2015

iFive, prima data ufficiale al Caffé di Una Volta dal 1995 di Corsico.


“ La musica da sempre unisce “ , a confermarlo ancora una volta è la gestione del locale “ Caffè di una volta dal 1995 “ sito in via Alessandro Volta 18, in quel di Corsico, Milano; che controtendenza a tutto quello che è la tanto acclamata “ crisi “, da un paio di mesi a questa parte investe sull'intrattenimento serale.
"Caffè di una volta dal 1995, che è, appunto come dice il nome stesso, in auge da vent'anni, è nato prettamente come locale diurno; poi da un po’ di tempo a questa parte, presi dalla passione di mio marito e mia ( Davide e Chiara sono i coniugi, gestori, del Caffè di una Volta dal 1995) per la musica, gli eventi, e d il divertimento in genere, abbiamo optato per una selezione artistica di serate a tema; da qui sono partiti i Royal buffet, gli aperitivi, i compleanni, gli eventi personalizzati, il karaoke, il cabaret, ed i live”.
Tutte iniziative, che chi è nel settore sa bene, messe a dura prova dalle spese e dalle innumerevoli tasse che spesso tolgono la leggerezza ed il sorriso giusto per essere vissute come si deve.
“ Ci crediamo molto “  approfondisce Chiara De Nigris “ e la musica live poi ci rapisce proprio, con la nostra selezione, e le nostre proposte, ci auspichiamo che sia cosi per tutti “.
Diversi grandi nomi e professionisti, dal cabaret, alla musica d’autore, hanno già calcato il palco del Caffè di Una Volta dal 1995; ed è a uno di questi che è dedicata la serata d’apertura del mese di giugno 2015; a far tremare il palco sarà per la loro prima data ufficiale, quella della live band: iFive.


“ Da che li ho conosciuti non ho più avuto pace “ precisa Chiara, “ sono bravissimi, forti a suonare, sono dei veri professionisti dal grande talento”.


iFive è un progetto nuovo, nato dall’idea di Gabriele Fersini (chitarrista /cantante/corista) e Gianluca  Acucella  (tastierista/corista) affiancati dal  resto della band che vede  musicisti  noti  e acclamati  nel  panorama  musicale  rock  come  Ruben  Sacco alla voce, Cristian Palumbo al basso ed ai cori, e Max Tota alla batteria ed ai cori.
iFive hanno la forte ed anche un po’ “rocker”  pretesa di portare avanti un tipo di filosofia musicale che ha lasciato molti evergreen ed innumerevoli spunti alla discografia moderna rock ma non solo.
Nel repertorio dei iFive si possono infatti ascoltare brani delle più grandi e rappresentative band che hanno reso il genere un cult che non subisce limiti di tempo, tra i più:  i Queen, Toto,  Bon  Jovi,  Europe,  Van  Halen,  Led  Zeppelin,  Journey,  Boston,  DeepPurple,  AC/DC,  Whitesnake,  Guns N’Roses e tanti altri leggendari.

Gabriele Fersini : 
-   www.gabrielefersini.eu   – gabriele.fersini@facebook.com   - www.facebook.com/gabriele.fersini


Gianluca Acucella: 


www.facebook.com/gianluca.acucella - https://www.myspace.com/lucas

Ruben Sacco: 

https://www.facebook.com/ruben.sacco?fref=ts

Cristian Palumbo: 
https://www.facebook.com/krusky?fref=ts

Max Tota: 
https://www.facebook.com/massimo.tota?fref=ts - http://myspace.com/maxtotadrummer

“ La nostra forza  è  l’entusiasmo  e  l’amicizia  che lega tutta la band; questo si avverte, anche su palco, e riusciamo cosi con molta naturalezza a coinvolgere ed ad intrattenere  il pubblico a 360 gradi “. iFive.


Venerdì 05 giugno 2015, iFive si esibiranno al Caffè di Una Volta dal 1995, seguite l'evento anche su Facebook : https://www.facebook.com/events/1657348151160435/ 

iFive, official facebook fan page: https://www.facebook.com/pages/iFive/589659731171682?fref=ts

www.caffediunavoltadal1995.com 


DBCommunication.






















lunedì 25 maggio 2015

Cabaret d'autore dal Salotto del Caffé di Una Volta dal 1995_ Corsico.


E’ dal palco del Caffè di Una Volta dal 1995 in quel di Corsico, Milano,  che prende vita per “tornare” a fiorire più coinvolgente che mai, l’appuntamento fisso, con il Cabaret d’autore.

Il giovedì sera si spezza la settimana con la sottile ironia, con le celebri performance di comici consolidati, che hanno fatto e fanno,  la storia della tradizione del Cabaret milanese e non solo.




“  Ridere è una delle esperienze più sane che ci siano  “ commenta in prima battuta la titolare Chiara De Nigris, che nel cabaret d’autore è convinta ed investe come non mai beffando anche i tempi e la tanto agognata "crisi del secolo".
“ Quando ho questi artisti nel locale l'atmosfera si colora magicamente di positività, e nel mio angolo di Paradiso, così definito da Loretta e Carletto, si crea una profonda complicità tra cabarettista e pubblico, in cui l'unico obbiettivo è vivere momenti di assoluta spensieratezza, cogliendo il lato comico della vita!  Ridere assieme fa cadere le maschere che ci fanno da scudo, ed avvicina le anime”.


Su quel che c’è poco da ridere, è sulla bravura dei cabarettisti in palinsesto; per la  programmazione artistica della titolare Chiara, e per la costante presentazione sull’onda della sua coniata “ animazione casino” della cabarettista milanese che da oltre quarantanni la fa da padrona nei palchi di tutti i teatri e luoghi ove il cabaret si respira come l’aria, Loretta Ferrara,  al Caffè di Una Volta dal 1995 tutti i giovedì va in scena il meglio del Cabaret di casa nostra.
Comicità, spaccati dell’italiano medio, e della parodia politica che governa o "sgoverna" quest’Italia cosi tanto web social e poco "civil sociale", si alternano a motivetti demenziali, o a chitarra e voce, per riprodurre la canzone di casa nostra tutta “ Tu vò fa l’Americano, ma si nato in Italy”; sentirsi a casa, con i problemi di tutti, e riderci su, magari tra un ottimo cocktail e l’altro magistralmente realizzati da Davide, il marito di Chiara, padrone di casa, è quel che di più bello succede nella serata del giovedì di cabaret nel salotto del Caffè di Una Volta dal 1995.
Grandi i nomi passati dal Caffè di Una Volta dal 1995, da Carlo Bianchessi, a Leo Mix, a Marisa Rampin, e Roberto De Marchi, Beppe Altissimi, Norberto Midani, Duilio Martina e Luca Elias, tutti hanno portato in scena la loro miglior ricchezza : la risata.



“ Un giorno senza sorriso  è un giorno perso” diceva Charlie Chaplin, conviene non perdersi il giovedì sera del Caffè di una Volta dal 1995; la risata è assicurata e contagiosa.

DbCommunication.


*Caffé di Una Volta dal 1995 
Via Alessandro Volta, 18. Corsico.
Per info & Prenotazioni: 02 4504095_3458527516 . 

www.caffediunavoltadal1995.com 

venerdì 15 maggio 2015

C'era una volta il Caffé di una Volta dal 1995


In un ambiente ampio e luminoso, la regia distinta, regale, ed al contempo molto calorosa ed accogliente di Chiara e Davide da oltre vent’anni,  fanno del Caffé di Una Volta dal 1995 in quel di Via Alessandro Volta, 18, a Corsico, il primo quanto miglior biglietto da visita.
Dal pranzo veloce, ai banchetti per le cerimonie, passando per un ventaglio di eventi a tema, e occasioni di intrattenimento serale, l’offerta del Caffé di Una Volta dal 1995 è impeccabile ed esclusiva, e si apre sempre con un sorriso vero ed impagabile dei titolari.
“ Da noi c’è n’è per tutti i gusti e per tutte le tasche” ed è proprio cosi a praticarlo ; “ non è semplice rimanere in positivo per oltre vent’anni; la gente cambia, si diventa a tratti più esigenti, a tratti si è annoiati, le tendenze moda influenzano le richieste, ed è necessario metterci molto impegno, passione e tanta voglia di crederci e fare, la ricerca è fondamentale, la curiosità, e la capacità di mettersi in gioco per crescere è determinante; ma soprattutto consideriamo che per noi prima di tutto vige la regola che il miglior ritorno che si possa avere è quello della gente  ” racconta l’adrenalinica quanto travolgente titolare Chiara De Nigris,“ Amiamo che i nostri clienti si sentano a casa, che siano parte di noi, che trovino qui quel che cercano per stare bene ” precisa il marito di Chiara, Davide, mentre ci accompagna la piacevole intervista con un cocktail alle fragole a dir poco irresistibile, “ l’empatia, l’aspetto emotivo, quello se vogliamo più umano, è fondamentale per noi e per la nostra gestione; crediamo – e lo abbiamo verificato su campo – che un gradevole sorriso, una reale accoglienza, ed una sana condivisione, unito ovviamente alla qualità ed alla professionalità, rendano il cliente soddisfatto ed  intenzionato a ritornare .. questo è il nostro motore, la nostra forza, quel che ci accompagna nella nostra quotidianità e nelle scelte che facciamo per la crescita comune”.

E Caffè di una Volta dal 1995, non si distingue solo per ottimi e sempre variegati lunch con prodotti e prelibatezze italiane, fresche di stagione, e cucinate al momento, o aperistuzzico ed apericena ricchi, gustosi e strabilianti, per non dire frequentati ed affollati allo stato puro, ma anche per, da un paio d’anni a questa parte, la proposta di serate di intrattenimento condivise e ben riuscite.



Il giovedì sera, Caffè di una Volta dal 1995, apre il sipario al Cabaret; grandi nomi come Loretta Ferrara, Beppe Altissimi, Marisa Rampin, Norberto Midani, Roberto De Marchi, Carlo Bianchessi e Leo Mix, giusto per citarne alcuni, si alternano per ore di sottile ironia e risate d’alto livello; il venerdì sera si dà voce alle voci del pubblico con un coinvolgente e divertente  Karaoke; spesso ai microfoni del telegenico  Mauro Starone, le ugole di Corsico spumeggiano intonando hit storiche; per chiudere il weekend in grande stile, non manca il sabato sera che è Music; dalla Dance con Dj set importanti, o live con band e tribute-band che caratterizzano il panorama della musica dal vivo nei migliori locali italiani.





“ Ricercare la qualità non è cosa semplice “ appunta Chiara  mentre si destreggia con la direzione artistica delle serate  “ va valutata la bravura dell’artista , la risonanza, la promozione sia specifica che richiedente, ed il tipo di seguito; generalmente ne faccio un’attenta selezione, e poi solo quando questa mi ha convinto, lo contemplo nell’assetto promozionale che ho in piedi per la mia realtà e suggello la sinergia”.
Ed a giudicare dalle presenze, dai passaggi, i consensi, e le lustranti recensioni che fioccano dai social network,  il weekend in quel del Caffè di una volta dal 1995, la proposta è azzeccatissima..decisamente degna di nota.
Appuntare l’indirizzo e tenere d’occhio il palinsesto degli eventi se si è intenzionati a divertirsi davvero : maggiori info e dettagli su www.caffediunavoltadal1995.com.

Official Fan Page Facebook: https://www.facebook.com/pages/Caff%C3%A8-di-Una-Volta-dal-1995/1543309289232885?fref=ts

Deborah Brulard _ DBCommunication 









  






mercoledì 13 maggio 2015

" E ricomincio a vivere " ; 2 metri sotto terra è il nuovo videoclip di Valentino Negri.


“ Viviamo puntando all'orizzonte,  senza guardare troppo indietro ”
                                                                                                           ( Valentino Negri) 



E con queste parole che, Valentino Negri,  mi accompagna nella visione del suo nuovo videoclip “ 2 metri sotto terra “ appena uscito, e di cui si è anche ampiamente divertito a firmarne la direzione artistica.
“ Davvero un gran bel videoclip “ è il primo commento che mi sento di fargli  ( ed il seguito mi dà man forte, oltre migliaia di visualizzazioni su youtube in poche ore – ndr ), mentre nella mia mente l’idea che
“ un testo così, restituito con quelle immagini e scene è da brividi” mi coinvolge completamente.



“ 2 metri sotto terra è una canzone che ti vuol far prendere le giuste distanze da tutto ciò che ti fa star male, per ricominciare a vivere davvero, e più forte di prima “  spiega Valentino Negri, 
“ E’ una canzone che ti fa ricordare di guardare sempre avanti, lasciando lo spazio del passato per qualcosa di nuovo, e che la vita non va presa troppo sul serio, perché sennò fa male.”
E a chi non ha fatto male almeno una volta nella vita? A nessuno!
E quale miglior compagnia se non un bel pezzo rock? ..  lascio a voi l’ardua sentenza, io sono già in modalità rewind  su youtube.



“ 2 metri sotto terra “,  è un pezzo di sfogo, una sorta di  esplosione rock quasi metal, individuato dalla critica musicale come  “ perle per chi ama il rock vero”, il cui videoclip arriva dopo l’irrefrenabile successo di “ Se “, e nel quale per la regia di  Andrea La Rosa & Francesco Rotunno,  lui con la sua band, in un limbo bianco, danno vita al vero sound tra : “ speranza e distanza “.



Valentino Negri, con la sua singolare e graffiante voce,  affascina;  in radio è catalizzante, in video è travolgente; lui, il suo stile così rock al naturale, e la sua musica così diversa, mai scontata, e decisamente mancante, nel panorama italiano,  lo delineano come artista d’eccezione, dalla forte personalità, e di gran valore.
Impaziente, si dice dal mondo del web e non solo, il suo seguito, al quale, preannuncia l’arrivo dell’album.
“Sono in studio ad ultimare proprio l’album;  ci saranno tanti pezzi diversi tra loro, frutto di contaminazioni e di stili innovativi quanto azzardati con una predominanza di buon e sano rock; qualche temerario featuring che vi lascerà, mi auguro piacevolmente colpiti,  e poi ancora un mini tour in estate con la mia band. Ci vediamo on the road e on the web!”  .

Deborah Brulard 




domenica 3 maggio 2015

Comunicare è Social _ DBCommunication.

“ Quel che non è detto, non è detto “.


Dopo averla aperta, nell’ottobre 2014, a chiudere la rassegna 2015  di appuntamenti culturali con il Giovediamoci, giovedì 30 aprile 2015, la manager Deborah Brulard ( per la DB Communication) con  una serata all’insegna della comunicazione consapevole attraverso l’uso del Web ed in particolar modo dei Social Network.


Nell’era della comunicazione 3.0,  è stato spiegato cosa significa comunicare attraverso i Social Network:
- cosa sono;  - com’è cambiato il modo di comunicare e fare comunicazione mediante il loro utilizzo; -  le frontiere web e le modalità business on line per piccole realtà artigianali e per le piccole, medie e gradi imprese, senza dimeticare un approfondimento sul rapporto tra tecnologia e prima infanzia e l’approccio emotivo a tali sistemi.
Per la DBCommunication, sono intervenuti nel part terre dei relatori, il giornalista e pedagogista  Mauro Caldera, il giornalista e social web editor Clemente Donadio, ed il NLP Master Trainer e Coach Marco Valerio Ricci.


Per me una pagina Facebook è come un figlio: nasce, si nutre e si getta nel mondo; è pertanto necessario affinché sia in grado di vivere in autonomia dargli il nostro meglio ”, queste le parole di Clemente Donadio per spiegare al pubblico come sia assolutamente possibile ed innovativo comunicare attraverso i Social Network ed il giusto approccio sia per piccole che grandi realtà commerciali, di spettacolo, e di promozione.
In proiezione le spiegazioni di “grandi macchine”  come Casa Sanremo, o il Giffoni Film Festival la cui promozione passa soprattutto dal web; cosi come fenomeni che hanno trovato la celebrità proprio attraverso i Social, come il rapper  Rocco Hunt o il rocker Valentino Negri.


“ E’ bene che i bambini non vengano parcheggiati davanti a degli i pad, o a degli smartphone, ma bensì si usino tali supporti per migliorare la loro creatività e la loro manualità “ suggerisce il giornalista, pedagogista, Mauro Caldera “ usare un i pad come macchina fotografica, stimolare i ragazzini a sentirsi piccoli fotoreporter in giro per la propria città, per esempio, ha un senso, diverso è il cartone animato visto al ristorante; la rete è piena di insidie e pericoli, soprattutto per i piccoli, è bene condurli ed educarli nell'approccio, affinché questo sia realmente utile ed intelligente”.


“ Sono un allenatore di menti per il raggiungimento del benessere “ spiega in prima battuta Marco Valerio Ricci “ chiedersi il perché si sta in rete e si usano i social Network, e chiedersi se quello che leggiamo, scriviamo, vediamo, condividiamo ci crea benessere oppure no è fondamentale; sicuramente tutto ci crea emozioni, la qualità di queste ovviamente dipende da noi , dai nostri pensieri e dalle scelte che decidiamo di prendere.”



( da sx verso dx: Marco Valerio Ricci, Deborah Brulard, Clemente Donadio, Mauro Caldera

Le domande da parte del pubblico a fine incontro sono state interessanti e significative; seppur molto vasto e complicato l’argomento principale, ossia i Social Network, con i relativi approfondimenti, è stato compreso ed apprezzato; un uso più consapevole è alla base di ogni possibile produttivo sviluppo.

“Un sentito grazie all’ Amministrazione Comunale di Nus per l’opportunità del format di incontri culturali del Giovediamoci”.

Deborah Brulard.